HandyLexPress

Numero 1 - Anno 2009

EDITORIALE

Eccoci!

NOVITÀ LEGISLATIVE

la copertina del primo numero di HandyLexPress

Indennità di frequenza e tredicesima mensilità
Una Sentenza della Corte di Cassazione del 28 maggio 2008 stabilisce che l’indennità di frequenza dev’essere corrisposta per tredici mensilità e non per dodici. A nemmeno un mese di distanza giunge, dalla stessa Corte di Cassazione, un pronunciamento di segno contrario. L’INPS riprende le indicazioni della seconda sentenza.

Agevolazioni sull’energia elettrica
Sono finalmente operative le procedure per richiedere le agevolazioni sull’energia elettrica. La compensazione tariffaria è prevista per due categorie di utenti: per i clienti domestici in condizioni di disagio economico e per quelli in stato di disagio fisico, ovvero che usano apparecchiature salvavita. Le due agevolazioni sono cumulabili e retroattive al 2008.

Il prepensionamento dei familiari delle persone disabili
di Carlo Giacobini
Alla Camera dei Deputati sono depositati numerosi Progetti di Legge che prevedono diverse forme di prepensionamento per i genitori e, in molti casi, per i familiari di persone con disabilità. I tempi prevedibili di discussione ed eventuale approvazione sono piuttosto lunghi e incerti.

LE INDAGINI

Disabilità e assistenza indiretta
a cura di Stefano Borgato e Crizia Narduzzo
Assistenza personale autogestita, servizi di aiuto alla persona, vita indipendente, assegni di cura: cosa hanno fatto finora le Regioni italiane in questo settore? Per provare a capirlo, abbiamo deciso di intraprendere un lungo “viaggio” nelle varie zone del nostro Paese, partendo da due basi legislative fondamentali: la Legge quadro 104/1992 e la Legge 162/1998.

LE INTERVISTE

Il Ministro Brunetta, la disabilità e molto altro
a cura di Franco Bomprezzi
Renato Brunetta, il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, per le sue iniziative ha raccolto entusiastiche approvazioni e altrettanto decise opposizioni. Sui temi della disabilità, poi, è intervenuto con determinazione sui permessi lavorativi che la legge riconosce alle persone con disabilità.

I DIRITTI

Edifici pubblici inaccessibili: come difendersi, quando denunciare
di Giuseppe Rusconi
La normativa vigente impone, ormai da decenni, che gli edifici pubblici siano accessibili. Ciononostante continuano ad essere segnalati edifici pubblici non accessibili. Il Cittadino e le associazioni possono intervenire con esposti o azioni legali di vario tipo, in alcuni casi anche senza l’assistenza di un legale.

Le barriere percettive e i disabili visivi
di Giulio Nardone
La presenza di barriere percettive è un problema per tutti, non solo per le persone non vedenti o sorde. Le norme vigenti prevedono obblighi a carico delle Amministrazioni Pubbliche e dei progettisti e impongono da una parte la rimozione di queste barriere, dall’altra il fatto che la progettazione preveda soluzioni adeguate.

L’assistenza a scuola per gli alunni disabili
di Salvatore Nocera
L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità presuppone l’attivazione di diverse forme di supporto educativo e assistenziale. Il Dirigente scolastico risponde della qualità del servizio e quindi deve garantire l’assistenza, anche quella igienica e materiale. Le famiglie possono efficacemente agire legalmente per far rispettare i diritti di inclusione dei propri figli.

Il trust e le persone con disabilità
di Maria Antoniazzi
Il trust è uno strumento nuovo che consente di destinare una parte dei propri beni a beneficio di una persona, che può anche essere un familiare disabile. È uno strumento diverso dalle disposizioni testamentarie perché può essere attuato già quando chi lo attiva è ancora in vita.

Il Difensore civico al servizio di tutti i Cittadini
di Donata Borgonovo Re
Il Difensore civico media i rapporti e gli eventuali conflitti fra il Cittadino e la Pubblica Amministrazione. Non è un giudice che emette sentenze, né irroga sanzioni o pene, ma indicazioni di comportamento. Per ricorrere al Difensore civico, istituto gratuito che è presente in gran parte delle Regioni, in molte Province e Comuni, non è necessaria l’assistenza di un avvocato.

La casa: le agevolazioni possibili
Gli aiuti destinati a chi desidera riadattare l’abitazione sono spesso limitati, ma vale comunque la pena sfruttarli. I contributi possono essere indiretti, come la nota detrazione del 36% delle spese di ristrutturazione, oppure diretti, per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Non esistono però norme che prevedono la concessione di mutui agevolati ai disabili e ai loro familiari.

LE AZIONI

L’azione legale contro il Ponte di Calatrava
di Pietro Vittorio Barbieri
Il quarto ponte sul Canal Grande, a Venezia, nella sua iniziale realizzazione non consente l’uso da parte delle persone con disabilità motorie o sensoriali. Il Comune adotta a posteriori la soluzione di un servoscala e sostiene che l’uso del traghetto consente comunque l’attraversamento. La FISH ritiene che siano state violate le norme sulla progettazione accessibile e che l’opera rappresenti una discriminazione e una violazione dei diritti umani.

IL CASO

Le quote di compartecipazione ai servizi socio-assistenziali
di Francesco Marcellino
Nel 2000 una norma ha previsto che per la partecipazione alla spesa dei servizi socio-assistenziali si faccia riferimento al solo reddito del disabile grave. Molte Pubbliche Amministrazioni hanno continuato a richiedere la partecipazione alla spesa, considerando il reddito dell’intero nucleo familiare. Alcune famiglie sono ricorse, con successo, al TAR.

EUROPA E MONDO

Europa: una sentenza a favore dei familiari dei disabili
di Giovanni Padovani
La Corte di Giustizia della Comunità Europea si è recentemente espressa su un caso di discriminazione di una lavoratrice che assiste un familiare con grave disabilità. Il Governo britannico e quello italiano sostenevano che le norme antidiscriminatorie sono vigenti solo per le persone con disabilità e non per i loro familiari. La Corte di Giustizia ha stabilito il contrario. La cosiddetta “Legge Brunetta” appare in contrasto con tale sentenza.