Gratuità delle certificazioni mediche ai fini elettorali

Domanda
Un mio amico disabile (affetto da tetraparesi spastica) mi ha detto di non esser andato a votare perché aveva bisogno di un certificato che gli sarebbe costato 32 euro. E' cosi'?

Risposta
La Legge 15 gennaio 1991, n. 15 prevede che i disabili con difficoltà di deambulazione "possono esercitare il diritto di voto in altra sezione del comune, che sia allocata in sede già esente da barriere architettoniche (...) previa esibizione, unitamente al certificato elettorale, di attestazione medica rilasciata dall'unità sanitaria locale anche in precedenza per altri scopi o di copia autentica della patente di guida speciale, purché dalla documentazione esibita risulti l'impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione".

Una specifica certificazione deve invece essere rilasciata se il disabile ha necessità di farsi assistere durante il voto. Quei certificati, ai sensi dell'articolo 1 comma 5 della Legge 15 citata, "devono essere rilasciati gratuitamente ed in esenzione da qualsiasi diritto od applicazione di marche e vengono allegati al verbale dell'ufficio elettorale".

Pertanto quei 32 euro non sono dovute.

Approfondimenti: Il diritto di voto e l'accessibilità dei seggi elettorali

 

Il trasporto aereo e le persone con disabilità - Formazione obbligatoria operatori aeroportuali - Corsi di base ed aggiornamento su indicazioni ENAC - E.Net - FISH
JobLab - Il collocamento lavorativo delle persone con disabilità - Corso FAD gratuito - 3 crediti per assistenti sociali
2009 - 2020   HandyLex.org - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione