Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 5 febbraio 1992

"Approvazione della nuova tabella indicativa delle percentuali d'invalidità per le minorazioni e malattie invalidanti."
(Pubblicato nella Gazz. Uff. 26 febbraio 1992, n. 47, S.O.)

Nota: il testo contiene le rettifiche introdotte dal Decreto ministeriale 14 giugno 1994

[Consulta le nostre schede di approfondimento sulle modalità di accertamento delle minorazioni civili]

Il Ministro della Sanità
di concerto con
Il Ministro dell'interno
e
Il Ministro del Tesoro

Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833;
Vista la legge 26 luglio 1988, n. 291;
Visto il decreto legislativo 23 novembre 1988, n. 509;
Vista la legge 29 dicembre 1980, n. 407, recante norme diverse per l'attuazione della manovra di finanza pubblica 1991-1993; Visto, in particolare, l'art. 3, comma 3, che prevede che il Ministro della sanità provvede, di concerto con i Ministri dell'interno e del tesoro, a stabilire nuove tabelle per i gradi dell'invalidità civile secondo i criteri della legislatura vigenti; Sentito il Consiglio sanitario nazionale;

Decreta:

Articolo 1

È approvata la nuova tabella indicativa delle percentuali d'invalidità per le minorazioni e malattie invalidanti.

La predetta tabella, articolata in cinque parti, costituisce parte integrante del presente decreto che sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Nuova tabella indicativa delle percentuali d'invalidità per le minorazioni e malattie invalidanti sulla base della classificazione internazionale dell'organizzazione mondiale della sanità

SOMMARIO

PRIMA PARTE
Modalità d'uso della nuova tabella d'invalidità

SECONDA PARTE
Indicazioni per la valutazione dei deficit funzionali

TERZA PARTE
Nuova tabella ordinata in fasce ovvero in misura fissa
Tabella delle percentuali di invalidità ordinata per apparati

QUARTA PARTE
Tabella di correlazione dei numeri di codice con quelli della classificazione internazionale delle menomazioni dell'O.M.S.
Elenco delle menomazioni sulla base della classificazione internazionale dell'organizzazione mondiale della sanità (O.M.S.)

QUINTA PARTE
Criteri per la determinazione delle potenzialità lavorative

PRIMA PARTE

Modalità d'uso della nuova tabella d'invalidità

La nuova tabella fa riferimento alla incidenza delle infermità invalidanti sulla capacità lavorativa secondo i criteri della normativa vigente. Pertanto richiede l'analisi e la misura percentuale di ciascuna menomazione anatomo-funzionale e dei suoi riflessi negativi sulla capacità lavorativa. La tabella elenca sia infermità individuate specificatamente, cui è attribuita una determinata percentuale "fissa", sia infermità il cui danno funzionale permanente viene riferito a fasce percentuali di perdita della capacità lavorativa di dieci punti, utilizzate prevalentemente nei casi di più difficile codificazione. Molte altre infermità non sono tabellate ma, in ragione della loro natura e gravità, è possibile valutarne il danno con criterio analogico rispetto a quelle tabellate.

1) Il danno funzionale permanente è riferito alla capacità lavorativa (art. 1, comma 3 ed art. 2 comma 2 D.L. 23 novembre 1988, n. 509) che deve intendersi come capacità lavorativa generica con possibilità di variazioni in più del valore base, non superiori a cinque punti di percentuale, nel caso in cui vi sia anche incidenza sulle occupazioni confacenti alle attitudini del soggetto (capacità cosiddetta semispecifica) e sulla capacità lavorativa specifica.

Le variazioni possono anche essere nel senso di una riduzione, non maggiore di cinque punti quando l'infermità risulti non avere incidenza sulla capacità lavorativa semispecifica e specifica.

2) NEL CASO DI INFERMITÀ UNICA, la percentuale di BASE della invalidità permanente viene espressa utilizzando, per le infermità elencate nella tabella:

a) la percentuale fissa di invalidità, quando l'infermità corrisponde, per natura e grado, esattamente alla voce tabellare (colonna "fisso");

b) la misura percentuale di invalidità calcolata rimanendo all'interno dei valori di fascia percentuale che la comprende quando l'infermità sia elencata in fascia (colonna "min-max");

c) se l'infermità non risulta elencata in tabella viene valutata percentualmente ricorrendo al criterio analogico rispetto ad infermità analoghe e di analoga gravità come indicato sub a) e sub b).

3) NEL CASO DI INFERMITÀ PLURIME, i criteri per giungere alla valutazione finale sono i seguenti: sono calcolate dapprima le percentuali relative alle singole infermità secondo i criteri individuati al punto 2) lettere a) b) c).

Di seguito, occorre tener presente che le invalidità dovute a menomazioni multiple per infermità tabellate e/o non tabellate possono risultare da un concorso funzionale di menomazioni ovvero da una semplice loro coesistenza. Sono funzionalmente in concorso tra loro, le menomazioni che interessano lo stesso organo o lo stesso apparato. In alcuni casi, il concorso è direttamente tariffato in tabella (danni oculari, acustici, degli arti ecc.). In tutti gli altri casi, valutata separatamente la singola menomazione, si procede a VALUTAZIONE COMPLESSIVA, che non deve di norma consistere nella somma aritmetica delle singole percentuali, bensì in un valore percentuale proporzionale a quello tariffato per la perdita totale anatomo-funzionale dell'organo o dell'apparato. A mente dell'art. 5 D.L. n. 509 del 1988, nella valutazione complessiva della invalidità, non sono considerate le minorazioni inscritte tra lo 0 ed il 10%, purché non concorrenti tra loro o con altre minorazioni comprese nelle fasce superiori. Non sono state inoltre individuate altre minorazioni da elencare specificatamente ai sensi dello stesso art. 5. Sono in coesistenza le menomazioni che interessano organi ed apparati funzionalmente distinti tra loro. In questi casi, dopo aver effettuato la valutazione percentuale di ciascuna menomazione si esegue un CALCOLO RIDUZIONISTICO mediante la seguente formula ESPRESSA IN DECIMALI:

IT = IP1 + IP2 - (IP1 x IP2)

dove l'invalidità totale finale IT è uguale alla somma delle invalidità parziali IP1, IP2, diminuita del loro prodotto. Ad esempio, se la prima menomazione (IP1) è valutata con il 20% e la seconda (IP2) con il 15%, il risultato finale (IT) sarà (0,20+0,15)-(0,20x0,15) = 0,32 e quindi 32%. In caso di menomazioni di numero superiore a due, il procedimento si ripete e continua con lo stesso metodo. Per ragioni pratiche è opportuno avvalersi, a tal fine, di una apposita tavola di calcolo combinato di cui ogni Commissione potrà opportunamente disporre.

4) Le competenti Commissioni dovranno esaminare la possibilità o meno dell'applicazione di apparecchi protesici. Le protesi sono da considerare fattore di attenuazione della gravità del danno funzionale e pertanto possono comportare una riduzione della percentuale d'invalidità a condizione che esse, per la loro natura, siano ben tollerate e funzionalmente efficaci ai fini della capacità lavorativa generica, semispecifica (= occupazioni confacenti alle attitudini del soggetto) e specifica. Ciascuna visita viene verbalizzata in modo tale che risultino i seguenti elementi: i dati anagrafici; la qualifica professionale, le attività lavorative eventualmente svolte in passato o nell'attualità; l'anamnesi familiare, fisiologica, patologica (remota e prossima), l'esame obiettivo completo, gli accertamenti di laboratorio e strumentali; la diagnosi clinica secondo quanto sancito dall'art. 1 comma 3, D.L. n. 509 del 1988; la prognosi con particolare riguardo alla eventuale permanenza della infermità e del danno funzionale; la percentuale assegnata a ciascuna menomazione in base alla tabella ed in caso di menomazioni multiple, la valutazione complessiva, se trattasi di concorso d'invalidità ovvero, la valutazione ottenuta mediante il calcolo riduzionistico effettuato con la formula e la tavola di calcolo combinato di cui al punto 3), se trattasi di coesistenza d'invalidità; la possibilità di applicazione di protesi e la eventuale variazione percentuale ad essa connessa. La Commissione dovrà indicare il codice di riferimento corrispondente all'infermità diagnosticata al fine di individuare la menomazione ad essa correlata (art. 2 comma 1, D.L. n. 509 del 1988) sulla base della classificazione internazionale dell'OMS. La relazione prevede inoltre il giudizio motivato della Commissione sulla ricorrenza dei requisiti per l'attribuzione dell'indennità di accompagnamento ai soggetti aventi diritto a mente dell'art. 1 L. n. 508 del 1988, ed infine la determinazione delle potenzialità lavorative del soggetto a mente dell'art. 3 D.L. n. 509 del 1988 e tenuto conto dell'art. 1, comma 3, L. n. 508 del 1988.

Ad esemplificazione di quanto sopra, la Commissione dovrà indicare le seguenti voci:

1) DIAGNOSI

Infermità n. 1 codice di riferimento
Infermità n. 2 codice di riferimento
Infermità n. 3 codice di riferimento
Infermità n. 4 codice di riferimento
ecc.

2) VALUTAZIONE PERCENTUALE DELLE INVALIDITÀ

(o) Infermità n. 1% (voce n. della tabella)
Infermità n. 2 idem ecc.
(o) Le protesi vedi sopra al punto 4)

3) PERCENTUALE FINALE DI INVALIDITÀ

I) INFERMITÀ UNICA (riportare senza modifica la percentuale calcolata sub 2)

II) INFERMITÀ MULTIPLE:
(a) INFERMITÀ CONCORRENTI TRA LORO NEL PRODURRE IL DANNO
Infermità n. Infermità n. Infermità n. ecc.
(o) riportare le singole percentuali già calcolate sub 2)VALUTAZIONE COMPLESSIVA DELLE INFERMITÀ CONCORRENTI
(b) INFERMITÀ COESISTENTI 2° Calcolo (percentuale risultante dal primo calcolo ed infermità n. 3)ecc. VALUTAZIONE riduzionistica delle infermità coesistenti %
(o) N.B. Per comodità è preferibile impiegare la TAVOLA DEL CALCOLO COMBINATO in possesso di ciascuna Commissione.
(c) INFERMITÀ CONCORRENTI associate a INFERMITÀ COESISTENTI
(nell'ipotesi di un gruppo di infermità concorrenti e di un gruppo di infermità coesistenti i risultati parziali di (a) e (b) vengono conglobati in una valutazione finale complessiva)

III) Sulle percentuali espresse per I e II va applicato un aumento della percentuale per incidenza su capacità semispecifica o specifica (massimo aumento: 5%) ovvero una riduzione della percentuale per nessuna incidenza su capacità semispecifica o specifica. Di seguito verrà espressa la percentuale finale di invalidità.

4) INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO
L. n. 508 del 1988 [Si] [No]
MOTIVAZIONE:

5) INDENNITÀ DI COMUNICAZIONE
L. n. 508 del 1988 [Si] [No]
MOTIVAZIONE:

6) INDENNITÀ DI FREQUENZA
L. n. 289 del 1990 [Si] [No]
MOTIVAZIONE:

7) DETERMINAZIONE DELLE POTENZIALITÀ LAVORATIVE A MENTE ART. 3 D.L. n. 509 del 1988

 

SECONDA PARTE

Indicazioni per la valutazione dei deficit funzionali

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

Le insufficienze cardiache sono state valutate facendo riferimento alla classificazione funzionale definita dalla New York Heart Association nel 1964, secondo la quale si distinguono in quattro classi di deficit:

I CLASSE - la persona è portatrice di una malattia cardiaca che non influisce sulla sua attività fisica ordinaria.

II CLASSE - la malattia determina una lieve limitazione della attività fisica ordinaria ed il soggetto può svolgere una attività fisica di lieve entità.

III CLASSE - la malattia determina una marcata limitazione di ogni attività fisica ed il soggetto può svolgere solo una attività fisica sedentaria.

IV CLASSE - il soggetto può presentare anche a riposo affaticamento, dispnea, palpitazioni, cianosi e dolore di tipo anginoso.

APPARATO RESPIRATORIO

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA LIEVE: Dispnea che compare sotto sforzi che ogni altro soggetto della stessa età e corporatura riesce a compiere; test di funzionalità respiratoria: - CV/VEMS% min. 85 magg. 75% - Consumo di O2 (ml. O2 x Kg. min.) min. 25 magg. 22 - Compl. cardiache assenti

MEDIA: la dispnea compare spesso con sforzi di media entità; test di funzionalità respiratoria: - CV/VEMS% min. 65 magg. 55% - Consumo di O2 (ml. O2 x Kg. min.) min. 20 magg. 18 - Compl. cardiache assenti

GRAVE: la dispnea compare dopo sforzi di lieve entità; test di funzionalità respiratoria: - CV/VEMS% min. 45 magg. 40% - Consumo di O2 (ml. O2 x Kg. min.) 15 - Compl. cardiache presenti

La dispnea a riposo non è stata presa in considerazione in quanto si tratta di condizione gravissima, tale da comportare l'impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita.

APPARATO DIGERENTE

Si sono identificati quattro livelli di compromissione funzionale, corrispondenti ad altrettante classi, identificabili come di seguito indicato. Per la valutazione delle inabilità derivanti da condizioni morbose complesse, non sempre espressione di una patologia strettamente di apparato o sistema, si fa riferimento alla compromissione dello stato generale, oltre che alla compromissione funzionale.

I CLASSE - la malattia determina alterazioni lievi della funzione tali da provocare disturbi dolorosi saltuari, trattamento medicamentoso non continuativo e stabilizzazione del peso corporeo convenzionale (rilevato dalle tabelle facenti riferimento al sesso ed alla statura) su valori ottimali. In caso di trattamento chirurgico non debbono essere residuati disturbi funzionali o disordini del transito.

II CLASSE - la malattia determina alterazioni funzionali causa di disturbi dolorosi non continui, trattamento medicamentoso non continuativo, perdita del peso sino al 10% del valore convenzionale, saltuari disordini del transito intestinale.

III CLASSE - si ha alterazione grave della funzione digestiva, con disturbi dolorosi molto frequenti, trattamento medicamentoso continuato e dieta costante; perdita del peso tra il 10 ed il 20% del valore convenzionale, eventuale anemia e presenza di apprezzabili disordini del transito. Apprezzabili le ripercussioni socio-lavorative.

IV CLASSE - alterazioni gravissime della funzione digestiva, con disturbi dolorosi e trattamento medicamentoso continuativo ma non completamente efficace, perdita di peso superiore al 20% del convenzionale, anemia, gravi e costanti disordini del transito intestinale. Significative le limitazioni in ambito socio-lavorativo.

APPARATO URINARIO

Insufficienza renale lieve (clearance creatinina inf. 80 ml sup. 40 ml/m);

insufficienza renale media (clearance creatinina inf. 40 ml sup. 20 ml/m); insufficienza renale grave (clearance creatinina inf. 20 ml/m);

insufficienza renale gravissima (clearance creatinina inf. 20 ml/m associata a complicanze metaboliche e pressorie)

APPARATO ENDOCRINO

CLASSE I - DIABETE MELLITO TIPO 2° (non insulino dipendente) con buon controllo metabolico (tasso glicemico a digiuno mg 150/dL e tasso glicemico dopo pasto mg 180-200/dL)

CLASSE II - DIABETE MELLITO TIPO 1°(insulino-dipendente) con buon controllo metabolico (tasso glicemico a digiuno mg 150/dL e tasso glicemico dopo pasto mg 180-200 dL)

Diabete mellito tipo 1° e 2° con iniziali manifestazioni micro e macroangiopatiche rilevabili solo con esami strumentali.

CLASSE III - DIABETE MELLITO INSULINO-DIPENDENTE con mediocre controllo metabolico (tasso glicemico a digiuno mg 150 dL e tasso glicemico dopo pasto mg 180-200 dL) con iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti (nonostante una terapia corretta ed una buona osservanza da parte del paziente).

DIABETE MELLITO TIPO 1° e 2° con complicanze micro e/o macroangiopatiche con sintomatologia clinica di medio grado es. retinopatia non proliferante e senza maculopatia, presenza di microalbuminuria patologica con creatininemia ed azotemia normali, arteriopatia ostruttiva senza gravi dolori ischemici ecc.).

CLASSE IV DIABETE MELLITO COMPLICATO DA

a) nefropatia con insufficienza renale cronica e/o
b) retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o
c) arteriopatia ostruttiva con grave "claudicatio" o amputazione di un arto

INDICE DI MASSA CORPOREA è espresso dalla formula IMC =p h2

dove "p" = peso espresso in Kg. ed "h" = altezza espressa in metri.

APPARATO LOCOMOTORE

Per quanto attiene agli arti superiori, i danni stimati in Tabella si riferiscono all'arto dominante. Qualora il danno riguardi l'arto non dominante, il valore fisso indicato, dovrà essere diminuito nella misura da uno fino a cinque punti percentuali.

APPARATI NERVOSO E PSICHICO

- Deficit di forza (da malattie piramidali, dei nervi periferici, malattie muscolari)

a) deficit di forza LIEVE: vince la forza di gravità;

cammina senza appoggio; presenta riduzione di forza contro resistenza; movimenti fini delle dita conservati con modesta riduzione funzionale;

b) deficit di forza MEDIO: vince la forza di gravità;

cammina solo con appoggio; non vince una resistenza al movimento; movimenti delle dita conservati ma con notevole riduzione funzionale tale da non riuscire ad eseguire i movimenti di precisione;

c) deficit di forza GRAVE: non vince la forza di gravità;

i movimenti delle dita sono impossibili. La stessa valutazione va eseguita per i deficit di forza presenti nei casi di emiparesi, con riferimento particolare all'arto superiore, nei casi di paraparesi e di paresi di un solo arto inferiore e nei casi di tetraparesi con riferimento a tutti e quattro gli arti.

- Deficit cerebrale LIEVE: tremore intenzionale che consente la prensione, atassia del tronco e degli arti compatibile con la deambulazione senza appoggio; MEDIO: tremore intenzionale che consente la funzione solo con difficoltà, atassia del tronco e degli arti ancora compatibile con deambulazione senza appoggio ma con occasionali cadute; GRAVE: tremore intenzionale che non consente la prensione, atassia del tronco e degli arti incompatibile con la deambulazione.

- Deficit extrapiramidale LIEVE: buon compenso con terapia regolare; MEDIO: compenso parziale sotto terapia regolare; tremore posturale che interferisce con la prensione; ipertono extrapiramidale e/o bradicinesia che interferiscono col movimento e con la deambulazione; movimenti involontari che interferiscono con la prensione e la deambulazione; GRAVE: grave scompenso sotto terapia regolare; tremore posturale; ipertono extrapiramidale; bradicinesia; movimenti involontari che impediscono una normale attività;

- DISTURBI SENSITIVI: se isolati, hanno rilevanza purché interessino in particolare porzioni distali, limitino le attività quotidiane, interferiscano con il movimento e siano verificati mediante esami neuroradiologici e/o neurofisiopatologici.

- Deficit delle funzioni cognitive:

a) disturbo del linguaggio

LIEVE: la produzione orale e/o scritta veicola una quantità ridotta di informazioni per la presenza di disturbi grammaticali o di frequenti anormie, per la produzione di un numero elevato di parole non adeguate al contesto comunicativo sul piano del significato, o per la produzione di frequenti distorsioni fonetiche o neologismi; la comunicazione gestuale è conservata; la comprensione di frasi nelle modalità orale e/o scritta è compromessa; la comprensione di parole isolate è normale o solo lievemente compromessa;

MEDIO: la comunicazione linguistica è notevolmente ridotta ma ancora possibile attraverso la produzione di linguaggio, orale o scritto, frammentario o attraverso una quantità sufficiente di parole adeguate al contesto comunicativo nell'ambito di un linguaggio fluente ma contenente numerosi termini generici o incomprensibili (neologismi); sono presenti difficoltà nella comunicazione gestuale; la comprensione di parole o di frasi nelle modalità orale e/o scritta è compromessa;

GRAVE: la comunicazione linguistica consiste in parole o brevi frasi stereotipate o in frasi che contengono solo pochi termini adeguata al contesto comunicativo o in sequenza di termini incompatibili (neologismi); la comprensione di parole e di frasi è gravemente compromessa o è sostanzialmente abolita.

b) disturbo di analisi visivo-spaziale

LIEVE: il paziente dimostra una tendenza a trascurare parte del corpo e dello spazio controlaterale al lato della lesione;

GRAVE: il paziente trascura pressoché sistematicamente parte del corpo e dello spazio controlaterale al lato della lesione.

c) deficit di memoria

LIEVE: presenza di deficit della memoria di fissazione che interferisce solo occasionalmente con le attività della vita quotidiana;

MEDIO: deficit marcato della memoria di fissazione, che interferisce molto frequentemente con le attività della vita quotidiana;

GRAVE: deficit grave della memoria di fissazione e della memoria autobiografica, presenza di disorientamento spazio temporale. Il deficit di memoria, per essere considerato, deve essere collegato ad un danno organico cerebrale dimostrabile mediante esami neuropsicologici, neuroradiologici e/o neurofisiopatologici.

d) disturbi del comportamento

LIEVI: riduzione incostante dell'iniziativa psicomotoria e comunicativa, e/o modico aumento dell'irritabilità, e/o occasionali accessi di comportamento violento non interpretabili come reazioni a stimoli ambientali; disturbi che non interferiscono in misura significativa con la possibilità di una vita di relazione sostanzialmente normale;

MEDI: frequente riduzione dell'iniziativa psicomotoria e comunicativa, e/o aumento significativo dell'irritabilità, e/o frequenti accessi di comportamento violento non interpretabili come reazioni a stimoli ambientali; disturbi che interferiscono in misura significativa con la possibilità di una vita di relazione normale; GRAVI: riduzione stabile dell'iniziativa psicomotoria e comunicativa; sistematica instabilità del tono dell'umore; frequenti accessi di comportamento violento non interpretabili come reazioni a stimoli ambientali, grave interferenza con la normale vita di relazione. Tutti i disturbi del comportamento, per essere considerati, debbono essere associati ad un danno organico cerebrale dimostrabile mediante esami neuroradiologici e/o neurofisiopatologici e/o neuropsicologici.

e) deficit delle funzioni intellettive: deterioramento o insufficienza intellettiva

LIEVE: deficit di memoria lieve associato ad almeno due dei seguenti segni: disorientamento temporale; afasia lieve; disturbi del comportamento lievi insorti approssimativamente insieme ad altri segni;

MEDIA: deficit grave di memoria, disorientamente temporale, afasia lieve e media, autosufficienza nelle necessità personali della vita quotidiana;

GRAVE: deficit grave di memoria, disorientamento temporale e spaziale, afasia media e grave, disturbi del comportamento, dipendenza da altri per le necessità personali della vita quotidiana, disturbi sfinterici.

f) deficit della funzione psichica

LIEVE: QI accertato mediante test di W.A.I.S. tra 60 e 70%; disturbi emotivi apprezzabili a seguito di stress psichici; capacità al lavoro proficuo conservata, senza necessità di supervisione; capacità di affrontare i problemi economici ed assistenziali della vita di tutti i giorni;

MEDIA: QI accertato mediante test di W.A.I.S. tra 50 e 60%; disturbi emotivi apprezzabili a seguito di stress psichici lievi; capacità al lavoro proficuo conservata, ma con necessità di supervisione; capacità di affrontare i problemi economici ed assistenziali più semplici; necessità di un tutore o di un'assistenza sociale adeguata per i problemi più complessi;

GRAVE: QI accertato mediante test di W.A.I.S. tra 40 e 50%; disturbi emotivi gravi e frequenti; farmacoterapia con necessità di controlli frequenti e terapia psicologica di appoggio; capacità al lavoro proficuo abolita; necessità di un tutore o di un'assistenza sociale adeguata per tutti i problemi economici ed assistenziali.

APPARATO UDITIVO

IPOACUSIE

Le perdite uditive monolaterali e bilaterali pari o inferiori a 275 dB dovranno essere valutate utilizzando la tabella allegata, i cui valori percentuali derivano da una semplificazione e rielaborazione (con arrotondamenti in eccesso o in difetto) della tabella per le perdite uditive monolaterali o bilaterali proposte dal Committee on Conservation of Hearing secondo il metodo A.M.A. 1961.

Alla sordità monolaterale totale viene attribuito un punteggio di invalidità del 15%, alla sordità bilaterale totale un grado del 58.5%. Lì dove i valori percentuali in tabella siano espressi da numeri decimali con frazione di mezzo punto sarà a discrezione della Commissione, caso per caso attribuire mezzo punto al punteggio pieno in eccesso o in difetto (per esempio il punteggio di 58.5 può essere portato a 59 o 58).

1) Il punteggio relativo ad ipoacusie ad andamento fluttuante e fortemente discontinuo nel tempo (ipoacusie di trasmissione, ipoacusie di tipo misto, ipoacusie neuro-sensoriali con timpanogramma patologico, malattie di Ménière ecc.) deve scaturire da un periodo di osservazione di almeno 1 anno, mediante l'esecuzione di almeno 3 esami oto-funzionali effettuati ogni 3-4 mesi. Il punteggio deriverà dalla media della perdita fra i tre esami. Inoltre è raccomandata la revisione ogni tre anni.

2) La valutazione del grado di ipoacusia e il calcolo del punteggio vanno effettuati sempre a orecchio nudo, cioè senza protesi.

Ciò per numerosi motivi:

- non è possibile valutare l'efficacia e la resa protesica se non dopo un adeguato periodo di allenamento e adattamento variabile da caso a caso;

- la valutazione tradizionale della resa protesica mediante esame audiometrico tonale in campo libero non è idonea ed inoltre non è acusticamente corretto paragonare risposte in campo libero con risposte in cuffia;

- l'unico test valido per verificare la resa protesica è l'audiometria vocale effettuabile solo in pochi centri specializzati; inoltre in tale metodica vengono utilizzati come unità di misura dB SPL difficilmente convertibili in dB HTL; e vengono introdotti gli stessi problemi valutativi legati all'impiego del campo libero di cui si è già accennato;

- la verifica del guadagno prodotto dalla protesi presuppone la contestuale verifica da parte della Commissione della correttezza sia della prescrizione che dell'applicazione della protesi;

- notevolmente difficoltosa e aleatoria è la valutazione in termini medico-legali del vantaggio prodotto dall'uso di protesi acustiche, considerati gli svantaggi che presentano, i danni estetici che comportano l'impossibilità di impiegarli in ambienti rumorosi, le difficoltà di usarle durante il lavoro, l'affaticamento uditivo ecc;

- appare più opportuno effettuare una valutazione teorica sulla possibilità o meno di applicazione di una protesi per ciascun grado di ipoacusie e laddove tale possibilità teorica sussista applicare una limitata riduzione del punteggio di invalidità;

- la riduzione dell'invalidità nei casi di ipoacusia protesizzabile è stata fissata nella nostra tabella in 9 punti e riguarda tutte le ipoacusie pari o inferiori a 275 dB sull'orecchio migliore; per cui partendo dalle ipoacusie bilaterali superiori a 275 dB difficilmente protesizzabili a cui è riconosciuta una invalidità del 65% si passa alle ipoacusie bilaterali pari o inferiori a 275 dB sull'orecchio migliore in cui la protesizzazione è possibile e a cui è riconosciuta una invalidità fino a un massimo del 59%; il livello critico di passaggio da una ipoacusia ben protesizzabile a una ipoacusia difficilmente protesizzabile è stato pertanto fissato sui 275 dB; al di sotto di tale livello di perdita viene automaticamente applicata una riduzione di 9 punti proprio in base alla possibilità dell'applicazione di un apparecchio protesico che può garantire in modo totale o parziale il ripristino funzionale dell'apparato uditivo.

3) Nei casi in cui non è possibile utilizzare l'audiometria tonale liminare soggettiva, e quindi valori espressi in dB HTL, ma solo tests obiettivi come i potenziali evocati uditivi, e quindi valori espressi in dB SPL la tabella può essere impiegata nel modo seguente:

a) conversione dei dB SPL (pressione acustica) in dB HTL (soglia soggettiva) ove la soglia ricavata sia stata espressa appunto in dB SPL;

b) somma della perdita in dB HTL sulle tre frequenze 500, 1000 e 2000 Hz nel caso siano stati impiegati toni puri o stimoli caratterizzati in frequenza;

c) moltiplicazione per 3 del valore di perdita riscontrato e convertito in dB HTL, ove sia impiegato un solo tipo di stimolo (per es. il click) non caratterizzabile in frequenza.

TABELLA DEI DEFICIT UDITIVI - PUNTEGGIO % DI INVALIDITÀ

(omissis) Consulta in formato .rtf (word)

Ai fini della concessione della indennità di comunicazione la dizione "sordo pre-linguale", di cui all'art. 4, della legge 21 novembre 1988, n. 508, deve considerarsi equivalente alla dizione di "sordomuto" di cui all'art. 1 della legge 26 maggio 1970, n. 381 ("...si considera sordomuto il minorato sensoriale dell'udito affetto da sordità congenita o acquisita durante l'età evolutiva che gli abbia impedito il normale apprendimento del linguaggio parlato, purché la sordità non sia di natura esclusivamente psichica o dipendente da causa di guerra, di lavoro o di servizio"). (2)

Viene precisato quanto segue:

a) ai fini dell'applicazione delle norme sopracitate il termine conclusivo dell'"età evolutiva" va identificato con il compimento del dodicesimo anno di età;

b) la locuzione "che gli abbia impedito il normale apprendimento del linguaggio parlato" deve essere intesa nel senso che l'ipoacusia renda o abbia reso difficoltoso il normale apprendimento del linguaggio parlato.

I fattori che in una ipoacusia possono rendere difficoltoso il normale apprendimento del linguaggio parlato sono molteplici e complessi: primi, tra tutti, l'epoca di insorgenza dell'ipoacusia in relazione all'età evolutiva di cui al precedente punto a) ed il livello di perdita uditiva di cui al seguente punto c). Altri fattori importanti, ma aleatori e quindi non quantificabili né valutabili in sede normativa sono la precocità e la correttezza della diagnosi e del trattamento, il livello socio-culturale della famiglia ed altri ancora. c) esclusivamente ai fini della concessione della indennità di comunicazione, l'ipoacusia che dà diritto a beneficiare di tale indennità deve essere:

1) pari o superiore a 60 dB di media tra le frequenze 500, 1000, 2000 Hz nell'orecchio migliore qualora il richiedente non abbia ancora compiuto il dodicesimo anno di età;

2) pari o superiore a 75 dB qualora il richiedente abbia compiuto il dodicesimo anno d'età purché sia dimostrabile l'insorgenza dell'ipoacusia prima del compimento del dodicesimo anno. A tal fine, faranno fede documenti clinici rilasciati da pubbliche strutture e, in mancanza di dati cronologici certi, la valutazione dei caratteri qualitativi e quantitativi del linguaggio parlato e dei poteri comunicativi nel loro insieme da cui si possa desumere un'origine audiongena delle alterazioni fono-linguistiche presenti;

3) l'esame o gli esami audiometrici da valutare ai fini della concessione dell'indennità devono essere effettuati dopo il compimento del primo anno d'età;

4) l'esame o gli esami relativi ai pazienti di età inferiore ai 12 anni devono riportare chiaramente un'attestazione di attendibilità dell'esame stesso (attendibile/non attendibile) redatta dal medico esaminatore;

5) le ipoacusie di tipo trasmissivo o comunque che si accompagnano a timpanogrammi dimostranti patologie tubo-timpaniche devono essere valutate secondo i criteri già esposti per l'invalidità civile;

6) l'esame impedenzometrico, anche per permettere una valutazione di cui al punto precedente, deve essere obbligatoriamente allegato ad ogni esame audiometrico, a meno che non vi siano chiare controindicazioni (otite cronica a timpano aperto, stenosi o lesioni del condotto uditivo ecc.).

d) I beneficiari dell'indennità di comunicazione, concessa prima del compimento di dodici anni d'età a causa di perdita uditiva inferiore a 75 dB di media tra le frequenze 500, 1000, 2000 Hz nell'orecchio migliore, decadono dal godimento del beneficio al compimento di detta età.

In tutti i casi in cui i livelli di perdita uditiva siano inferiori a quelli sopra indicati o non sia dimostrabile un'epoca dell'insorgenza dell'ipoacusia compresa nell'arco dell'età evolutiva, verrà effettuata una valutazione secondo i criteri dell'invalidità civile.

Ai fini della concessione della pensione di cui all'art. 1 della legge 26 maggio 1970, n. 381 e successive modificazione, il requisito di soglia uditiva è da considerarsi corrispondente ad una ipoacusia pari o superiore a 75 dB HTL di media tra le frequenze 500, 1000, 2000 Hz sull'orecchio migliore, fermi restando gli altri requisiti previsti dalla legge sunnominata.

Gli accertamenti sanitari relativi alla sordità prelinguale devono essere effettuati da medici specialisti in otorinolaringoiatria o in audiologia o in foniatria.

I valori di soglia uditiva suindicati sono da riferirsi a dB HTL; nel caso gli esami clinici riportino valori espressi in dB SPL (come nel caso dei potenziali evocati) questi dovranno debitamente essere convertiti in dB HTL.

(2) L’articolo 1 della Legge 20 febbraio 2006, n. 95 ha stabilito che in tutte tutte le disposizioni legislative vigenti, il termine «sordomuto» è sostituito con l’espressione «sordo»; la medesima disposizione, all’articolo 1 comma 2, ha modificato la precedente definizione di «sordomuto», sostituendo l’articolo 1, comma 2 della Legge 26 maggio 1970, n. 381 con il seguente: «Agli effetti della presente legge si considera sordo il minorato sensoriale dell'udito affetto da sordità congenita o acquisita durante l'età evolutiva che gli abbia compromesso il normale apprendimento del linguaggio parlato, purché la sordità non sia di natura esclusivamente psichica o dipendente da causa di guerra, di lavoro o di servizio».

 

APPARATO VESTIBOLARE

Il deficit vestibolare unilaterale è ben compensato se è presente: lieve vertigine nell'oscurità, esame clinico normale o lieve instabilità, areflessia calorica unilaterale, prova pendorale o rotatoria simmetrica.

Il deficit vestibolare unilaterale è mal compensato se esistono turbe vertigino-posturali persistenti in cambiamenti di posizione od oscurità, esame clinico con uno o più reperti positivi (nistagno, prove tecniche), prova calorica con areflessia o marcata iporeflessia, prova pendolare o rotatoria senza compenso, asimmetrica, mal organizzata.

Il deficit vestibolare è bilaterale se esistono turbe obiettive dell'equilibrio, nistagno latente, Romberg positivo, marcia molto disturbata, prova pendolare o rotatoria molto alterata, disorganizzata o con traccia ENG quasi assente.

Le grandi crisi parossistiche vertiginose sono ben confermabili in fase acuta. Risulta disturbata la deambulazione e il lavoro. È presente un quadro simil-menierico o fistola labirintica. Le prove strumentali sono variabili nel tempo in rapporto con la vicinanza della crisi.

Sono ritrovabili elementi simili alla sindrome deficitaria unilaterale mal compensata. Evidenziabili elementi irritativi importanti (iperreflessia vestibolare monolaterale, vertigine, nausea, vomito ed altri sintomi neuro-vegetativi). Frequente l'associazione con ipoacusie di tipo misto o neurosensoriali. In questo quadro rientrano anche la sindrome e le malattie di Ménière.

Data la possibilità di un compenso funzionale a distanza variabile di tempo dall'evento che ha determinato il danno e data anche la possibilità di evoluzione nel tempo del quadro patologico, viene fatta raccomandazione di:

1) utilizzare due esami clinici e strumentali intervallati di almeno dodici mesi di cui il primo costituirà una documentazione iniziale di base o di raffronto e il secondo la documentazione definitiva su cui deve essere effettuata la valutazione dell'invalidità;

2) effettuare una revisione ogni tre anni. Ai fini della valutazione vanno prese in considerazione oltre alle prove spontanee tradizionali anche le prove caloriche, pendolari o rotatorie. L'esecuzione di una prova pendolare o rotatoria con tracciato ENG rende non indispensabile l'esecuzione di una prova calorica, ma non viceversa. È comunque raccomandabile sempre l'esecuzione di entrambi i tip di esami a meno che non sussistano chiare controindicazioni alla prova termica (per es. otite media a timpano aperto).

APPARATO VISIVO

- La diminuzione del visus deve essere intesa dopo correzione a meno che l'anisometropia sia tale che la lente necessaria sia di gradazione troppo elevata; nel tal caso si devono aggiungere cinque punti percentuali.

- Le eventuali perdite campimetriche che possono rilevarsi in caso di glaucoma congenito od acquisito devono essere valutate a parte. - La valutazione dei deficit visivi binoculari si effettua secondo la specifica tabella allegata, nella quale l'acutezza visiva centrale è indicata nella prima colonna orizzontale per un occhio e verticale per l'altro. Al punto d'incontro delle due colonne, si legge la percentuale d'invalidità. È importante sottolineare che l'acutezza visiva centrale indicata è quella relativa al visus residuo.

TABELLA PER LA VALUTAZIONE DEI DEFICIT VISIVI BINOCULARI VISUS

 

VISUS 9/10 8/10 7/10 6/10 5/10 4/10 3/10 2/10 1/10 1/20 MENO DI 1/20
9/10 a 8/10 0 2 3 5 7 10 15 20
7/10 a 6/10 2 3 5 7 10 15 20 30
5/10 a 4/10 3 5 7 10 15 20 30 40
3/10 5 7 10 15 20 30 40 60
2/10 7 10 15 20 30 40 60 70
1/10 10 15 20 30 40 60 70 80
1/20 15 20 30 40 60 70 80 100
MENO DI 1/20 20 30 40 60 70 80 100 100

PATOLOGIE IMMUNITARIA E SISTEMICA

Per le infermità che comportino compromissione viscerale la percentuale di invalidità aumenta in proporzione al grado ed al tipo di tale compromissione.

 

 

TERZA PARTE

A) nuova tabella ordinata in fasce ovvero in misura fissa

 

cod. FASCIA 91 - 100 min. max. fisso
1001 ALZHEIMER CON DELIRI O DEPRESSIONE AD ESORDIO SENILE 0 0 100
1003 DEMENZA GRAVE 0 0 100
1004 IPOTIROIDISMO GRAVE CON RITARDO MENTALE 0 0 100
1007 INSUFFICIENZA MENTALE GRAVE 91 100 0
1008 SINDROME DI HARTNUP 0 0 95
1009 TRISOMIA 21 CON RITARDO MENTALE GRAVE 0 0 100
1207 SINDROME DELIRANTE CRONICA GRAVE CON NECESSITÀ TERAPIA CONTINUA 0 0 100
1209 SINDROME SCHIZOFRENICA CRONICA GRAVE CON AUTISMO DELIRIO O PROFONDA DISORGANIZZAZIONE DELLA VITA SOCIALE 0 0 100
2003 EPILESSIA GENERALIZZATA CON CRISI PLURISETTIMANALI INTRATTAMENTO00100      
2004 EPILESSIA GENERALIZZATA CON CRISI QUOTIDIANE 0 0 100
2007 EPILESSIA LOCALIZZATA CON CRISI PLURISETTIMANALI O QUOTIDIANE IN TRATTAMENTO 91 100 0
2009 SINDROME CEREBELLARE GRAVE 91 100 0
2201 DISTURBI CICLOTIMICI CON CRISI SUBENTRANTI O FORME CRONICHE GRAVI CON NECESSITÀ DI TERAPIA CONTINUA 0 0 100
3003 AFASIA GRAVE 91 100 0
3004 LESIONE BILATERALE DEI NERVI CRANICI IX-X-XI E XII CON DEFICIT GRAVE DELLA DEGLUTIZIONE, FONAZIONE ED ARTICOLAZIONE DEL LINGUAGGIO 91 100 0
5004 CECITÀ BINOCULARE 0 0 100
5008 CECITÀ MONOCULARE - VISUS NELL'OCCHIO CONTROLATERALE INF. 1/20 91 100 0
6002 ARITMIE GRAVI PACE-MAKER NON APPLICABILE 0 0 100
6016 TUBERCOLOSI POLMONARE - ESITI FIBROSI PARENCHIMALI O PLEURICI CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA E DISPNEA A RIPOSO 0 0 100
6411 CIRROSI EPATICA CON DISTURBI DELLA PERSONALITÀ(ENCEFALOPATIA EPATICA INTERMITTENTE)0 0 95  
6430 FIBROSI CISTICA DEL PANCREAS CON PNEUMOPATIA CRONICA 0 0 100
6431 FIBROSI POLMONARE INTERSTIZIALE DIFFUSA IDIOPATICA 0 0 95
6439 GLOMERULONEFRITE EREDITARIA 0 0 100
6444 MIOCARDIOPATIE O VALVULOPATIE CON INSUFFICIENZA CARDIACA GRAVISSIMA (IV CLASSE NYHA) 0 0 100
6448 CORONAROPATIA GRAVISSIMA (IV CLASSE NYHA) 0 0 100
6470 PNEUMONECTOMIA CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA GRAVE 0 0 100
6478 TUMORE DI WILMS 0 0 95
7301 ATROFIA MUSCOLARE CRONICA PROGRESSIVA INFANTILE00957302 EMIPARESI GRAVE O EMIPLEGIA ASSOCIATA A DISTURBI SFINTERICI 0 0 100
7332 PARALISI CEREBRALE INFANTILE CON EMIPLEGIA O ATASSIA 91 100 0
7333 PARAPARESI CON DEFICIT DI FORZA GRAVE O PARAPLEGIA ASSOCIATA O NON A DISTURBI SFINTERICI 0 0 100
7346 SINDROME EXTRAPIRAMIDALE PARKINSONIANA O COREIFORME O COREOATETOSICA GRAVE 91 100 0
7351 TETRAPARESI CON DEFICIT DI FORZA GRAVE O TETRAPLEGIA CON ASSOCIAZIONE O NON A INCONTINENZA SFINTERICA 0 0 100
7423 EMIPELVECTOMIA 0 0 100
7424 PERDITA ANATOMICA O FUNZIONALE DELLE DUE MANI 0 0 100
8009 OLOPROSENCEFALIA O SINDROME DI BINDER 0 0 100
9203 ESITI DI NEFROPATIA IN TRATTAMENTO DIALITICO PERMANENTE 91 100 0
9305 ARTROPATIA GOTTOSA CON GRAVE IMPEGNO RENALE 91 100 0
9311 DIABETE MELLITO COMPLICATO DA GRAVE NEFROPATIA E/O RETINOPATIA PROLIFERANTE, MACULOPATIA, EMORRAGIE VITREALI E/O ARTERIOPATIA OSTRUTTIVA (CLASSE IV) 91 100 0
9315 IPOPARATIROIDISMO NON SUSCETTIBILE DI UTILE TRATTAMENTO 91 100 0
9316 IPOSURRENALISMO GRAVE 91 100 0
9325 NEOPLASIE A PROGNOSI INFAUSTA O PROBABILMENTE SFAVOREVOLE NONOSTANTE ASPORTAZIONE CHIRURGICA 0 0 100
9333 IMMUNODEFICIENZA SECONDARIA CONCLAMATA CON EVIDENZA DI INFEZIONI OPPORTUNISTICHE O TUMORI CORRELATI 91 100 0
9336 TRISOMIA 18 - SINDROME DI EDWARDS 0 0 100

 

cod. FASCIA 81 - 90 min. max. fisso
5006 CECITÀ MONOCULARE CON VISUS NELL'OCCHIO CONTROLATERALE SUP. 1/20 - INF. 3/50 81 90 0
6015 TUBERCOLOSI POLMONARE - ESITI FIBROSI PARENCHIMALI O PLEURICI CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA GRAVE 81 90 0
6481 SINDROME NEFROSICA CON INSUFFICIENZA RENALE GRAVE 81 90 0
7418 DISARTICOLAZIONE DI ANCA 0 0 85
9317 MORBO DI COOLEY (THALASSEMIA MAJOR) 0 0 90

 

cod. FASCIA 71 - 80 min. max. fisso
1204 PSICOSI OSSESSIVA 71 80 0
1210 SINDROME SCHIZOFRENICA CR. CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO E DELLE RELAZIONI SOCIALI E LIMITATA CONSERVAZIONE DELLE CAPACITÀ INTELLETTUALI 71 80 0
1211 SINDROME DELIRANTE CRONICA 71 80 0
2210 SINDROME DEPRESSIVA ENDOGENA GRAVE 71 80 0
3106 PERDITA TOTALE DELLA LINGUA 71 80 0
3108 LARINGECTOMIA TOTALE 0 0 75
3109 LARINGECTOMIA TOTALE CON TRACHEOSTOMIA DEFINITIVA 0 0 80
4008 SORDOMUTISMO O SORDITÀ PRELINGUALE DA PERDITA UDITIVA GRAVE BILATERALE CON EVIDENTI FONOLOGOPATIE AUDIOGENE 0 0 80
5007 CECITÀ MONOCULARE - VISUS CONTROLATERALE SUP. 3/50 - INF. 1/10 CON RIDUZIONE DEL CAMPO VISIVO DI 30° 70 80 0
5028 RESTRINGIMENTO CONCENTRICO DEL CAMPO VISIVO CON CAMPO RESIDUO INFERIORE A 10° IN ENTRAMBI GLI OCCHI 0 0 80
6406 BRONCHIECTASIA CONGENITA ASSOCIATA A MUCOVISCIDOSI 0 0 80
6412 CIRROSI EPATICA CON IPERTENSIONE PORTALE 71 80 0
6414 STENOSI CONGENITA DELLA POLMONARE GRAVE (III CLASSE NYHA) 71 80 0
6416 STENOSI O COARTAZIONE AORTICA CONGENITA SERRATA (III CLASSE NYHA) 0 0 75
6426 EPATITE CRONICA ATTIVA NELL'INFANZIA 71 80 0
6443 MIOCARDIOPATIE O VALVULOPATIE CON INSUFFICIENZA CARDIACA GRAVE (III CLASSE NYHA) 71 80 0
6447 CORONAROPATIA GRAVE (III CLASSE NYHA) 71 80 0
6450 IPOPLASIA RENALE BILATERALE 0 0 75
6456 MALATTIA POLMONARE OSTRUTTIVA CRONICA-PREVALENTE BRONCHITE 0 0 75
6469 PNEUMONECTOMIA CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA MEDIA 0 0 80
7001 ANCHILOSI DI RACHIDE TOTALE 0 0 75
7203 ANCHILOSI DI GINOCCHIO IN FLESSIONE SUPERIORE A 40° 0 0 75
7337 PARESI DELL'ARTO INFERIORE CON DEFICIT DI FORZA GRAVE O PLEGIA ASSOCIATA AD INCONTINENZA SFINTERICA 71 80 0
7350 TETRAPARESI CON DEFICIT DI FORZA MEDIO 71 80 0
7407 AMPUTAZIONE DI BRACCIO 0 0 75
7413 AMPUTAZIONE DI SPALLA 0 0 80
7417 ASSENZA CONGENITA DELL'ARTO SUPERIORE 0 0 75
7420 DISARTICOLAZIONE DI GOMITO 0 0 75
7421 DISARTICOLAZIONE DI POLSO 0 0 75
7422 DISARTICOLAZIONE DI SCAPOLA 0 0 80
8002 CHEILOGNATOPALATOSCHISI (GOLA LUPINA) 0 0 80
8101 AGENESIA SACRO-COCCIGEA 0 0 80
8102 AGENESIA SACRO-ILIACA 0 0 80
8203 ESOFAGOSTOMIA CERVICALE E GASTROSTOMIA 0 0 80
8206 ESTROFIA DELLA VESCICA URINARIA 0 0 80
9328 TRAPIANTO CARDIACO IN ASSENZA DI COMPLICANZE 0 0 80
9337 TRISOMIA 21 0 0 75

 

cod. FASCIA 61 - 70 min. max. fisso
1002 DEMENZA INIZIALE 61 70 0
1006 INSUFFICIENZA MENTALE MEDIA 61 70 0
3002 AFASIA MEDIA 61 70 0
4004 PERDITA UDITIVA BILATERALE SUPERIORE A 275 dB SULL'ORECCHIO MIGLIORE 0 0 65
6403 BILOBECTOMIA 0 0 61
6419 COLITE ULCEROSA (IV CLASSE) 61 70 0
6425 EPATITE CRONICA ATTIVA AUTOIMMUNE 0 0 70
6435 FISTOLA GASTRO-DIGIUNO - COLICA (IV CLASSE) 61 70 0
6438 GLOMERULONEFRITE DA IMMUNOCOMPLESSI CON INSUFFICIENZA RENALE LIEVE 61 70 0
6457 MALATTIA POLMONARE OSTRUTTIVA CRONICA - PREVALENTE ENFISEMA 0 0 65
6461 MORBO DI CROHN (IV CLASSE) 61 70 0
6467 PANCREATITE CRONICA (IV CLASSE) 61 70 0
6480 RENE POLICISTICO BILATERALE0070      
7002 ANCHILOSI O RIGIDITÀ COMPLETA DEL CAPO IN FLESSIONE O IPERESTENSIONE 61 70 0
7303 EMIPARESI GRAVE O EMIPLEGIA (EMISOMA DOMINANTE) 61 70 0
7342 PARESI DELL'ARTO SUPERIORE DOMINANTE CON DEFICIT DI FORZA GRAVE O PLEGIA 61 70 0
7406 AMPUTAZIONE DI AVAMBRACCIO 0 0 70
7408 AMPUTAZIONE DI COSCIA 0 0 65
7414 AMPUTAZIONE METACARPALE 0 0 70
7419 DISARTICOLAZIONE DI GINOCCHIO 0 0 65
7425 PERDITA ARTO TERZO SUP. O MEDIO DI BRACCIO 0 0 65
7428 PERDITA DEI DUE PIEDI 0 0 70
7430 PERDITA DI TUTTE LE DITA DI UNA MANO 0 0 65
7432 PERDITA DI UNA MANO 0 0 65
8202 CISTOSTOMIA CON CATETERE A PERMANENZA 61 70 0
9101 SINDROME DELLA CAUDA EQUINA COMPLETA CON DISTURBI SFINTERICI E ANESTESIA A SELLA 61 70 0
9313 IPERCORTISOLISMO CON MANIFESTAZIONI CLINICHE CONCLAMATE 61 70 0
9323 NEOPLASIE A PROGNOSI FAVOREVOLE CON GRAVE COMPROMISSIONE FUNZIONALE 0 0 70

 

cod. FASCIA 51 - 60 min. max. fisso
2203 DISTURBI CICLOTIMICI CON RIPERCUSSIONI SULLA VITA SOCIALE 51 60 0
5016 EMIANOPSIA BITEMPORALE 0 0 60
5022 EMIANOPSIE MONOCULARI - SENZA CONSERVAZIONE DEL VISUS CENTRALE 0 0 60
6001 ANGINA PECTORIS STABILE 0 0 60
6424 EPATITE CRONICA ATTIVA 0 0 51
6475 RENE A FERRO DI CAVALLO CON IDRONEFROSI 0 0 55
7004 SPONDILOARTRITE ANCHILOPOIETICA 0 0 55
7101 ACONDROPLASIA 0 0 60
7204 ANCHILOSI DI GINOCCHIO IN FLESSIONE TRA 35° E 40° 0 0 55
7209 ANCHILOSI DI SPALLA IN POSIZIONE SFAVOREVOLE 0 0 60
7304 EMIPARESI GRAVE O EMIPLEGIA (EMISOMA NON DOMINANTE) 51 60 0
7328 LESIONE RADICOLARE - TIPO DEJERINE KLUMPKE (DOMINANTE)51600      
7335 PARAPARESI CON DEFICIT DI FORZA MEDIO 51 60 0
7345 PARESI DELL'ARTO SUPERIORE NON DOMINANTE CON DEFICIT DI FORZA GRAVE O PLEGIA 51 60 0
7409 AMPUTAZIONE DI GAMBA SENZA POSSIBILITÀ DI PROTESI 0 0 60
7411 AMPUTAZIONE DI GAMBA TERZO SUPERIORE 0 0 60
7412 AMPUTAZIONE DI GINOCCHIO 0 0 55
7426 PERDITA AVAMBRACCIO TERZO MEDIO 0 0 55
7429 PERDITA DEI DUE POLLICI 0 0 60
8208 CISTECTOMIA CON DERIVAZIONE ESTERNA O CON NEOVESCICA E SCARSO CONTROLLO SFINTERICO 51 60 0
9307 DIABETE GLUCO-FOSFO-AMINICO (SINDR. DI FANCONI) 0 0 60
9310 DIABETE MELLITO INSULINO-DIPENDENTE CON MEDIOCRE CONTROLLO METABOLICO E IPERLIPIDEMIA O CON CRISI IPOGLICEMICHEFREQUENTI NONOSTANTE TERAPIA (CLASSE III) 51 60 0
9319 LINFOMI LINFOBLASTICI (NON HODGKIN) 0 0 60
9330 TRAPIANTO RENALE 0 0 60

 

cod. FASCIA 41 - 50 min. max. fisso
1005 INSUFFICIENZA MENTALE LIEVE 41 50 0
1103 ESITI DI SOFFERENZA ORGANICA ACCERTATA STRUMENTALMENTE CHE COMPORTI GRAVI DISTURBI DELLA MEMORIA 41 50 0
1203 NEVROSI FOBICA OSSESSIVA GRAVE 41 50 0
1206 NEVROSI ISTERICA GRAVE 41 50 0
2002 EPILESSIA GENERALIZZATA CON CRISI MENSILI IN TRATTAMENTO 0 0 46
2006 EPILESSIA LOCALIZZATA CON CRISI MENSILI IN TRATTAMENTO 0 0 41
2008 SINDROME CEREBELLARE 41 50 0
2209 SINDROME DEPRESSIVA ENDOGENA MEDIA 41 50 0
2302 ESITI DI SOFFERENZA ORGANICA ACCERTATA STRUMENTALMENTE CHE COMPORTI GRAVI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO 41 50 0
3101 AFONIA COMPLETA E PERMANENTE CON IMPEDITO CONTATTO VERBALE 0 0 45
5017 EMIANOPSIA INFERIORE 0 0 41
5029 SINDROME OCCIPITALE CON EMIANOPSIA CONTROLATERALE 41 50 0
6014 TUBERCOLOSI POLMONARE - ESITI FIBROSI PARENCHIMALI O PLEURICI CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA MODERATA 41 50 0
6202 CISTECTOMIA CON DERIVAZIONE NEL SIGMA 41 50 0
6205 RITENZIONE URINARIA CRONICA CON CATETERE A PERMANENZA 0 0 46
6407 BRONCHITE ASMATICA CRONICA 0 0 45
6415 STENOSI O COARTAZIONE AORTICA CONGENITA MODERATA (II CLASSE NYHA) 0 0 50
6418 COLITE ULCEROSA (III CLASSE) 41 50 0
6421 DIVERTICOLOSI DEL COLON (III CLASSE) 41 50 0
6422 DUPLICITÀ OD ECTOPIA URETERALE BILATERALE 0 0 41
6429 ESITI DI TRATTAMENTO CHIRURGICO PER ATRESIA ESOFAGEA (III CLASSE) 41 50 0
6434 FISTOLA GASTRO-DIGIUNO - COLICA (III CLASSE) 41 50 0
6437 GASTROENTEROSTOMIA - NEOSTOMA FUNZIONANTE (III CLASSE) 0 0 41
6440 IDRONEFROSI BILATERALE 41 50 0
6442 MIOCARDIOPATIE O VALVULOPATIE CON INSUFFICIENZA CARDIACA MODERATA (II CLASSE NYHA) 41 50 0
6446 CORONAROPATIA MODERATA (II CLASSE NYHA) 41 50 0
6449 IPOPLASIA O APLASIA POLMONARE CONGENITA MONOLATERALE 41 50 0
6460 MORBO DI CROHN (III CLASSE) 41 50 0
6466 PANCREATITE CRONICA (III CLASSE) 41 50 0
6468 PNEUMONECTOMIA 0 0 45
6474 RENE A FERRO DI CAVALLO CON CALCOLOSI 0 0 45
7103 MIELOMENINGOCELE LOMBARE 0 0 45
7104 NANISMO IPOFISARIO 0 0 50
7202 ANCHILOSI DI ANCA IN BUONA POSIZIONE 0 0 41
7213 ANCHILOSI O RIGIDITÀ DI MANO SUPERIORE AL 70% 0 0 46
7216 ANCHILOSI O RIGIDITÀ DI SPALLA SUPERIORE AL 70% IN POSIZIONE SFAVOREVOLE 0 0 45
7305 EMIPARESI (EMISOMA DOMINANTE) 41 50 0
7329 LESIONE RADICOLARE - TIPO DEJERINE KLUMPKE (NON DOMINANTE) 41 50 0
7330 LESIONE RADICOLARE - TIPO ERB-DUCHENNE (DOMINANTE) 41 50 0
7336 PARESI DELL'ARTO INFERIORE CON DEFICIT DI FORZA GRAVE O PLEGIA 41 50 0
7341 PARESI DELL'ARTO SUPERIORE DOMINANTE CON DEFICIT DI FORZA MEDIO 41 50 0
7348 SINDROME EXTRAPIRAMIDALE PARKINSONIANA O COREIFORME O COREOATETOSICA 41 50 0
7349 SINDROME PARIETALE APRASSIA BILATERALE MANI 41 50 0
7410 AMPUTAZIONE DI GAMBA TERZO MEDIO PROTESIZZABILE 0 0 46
7415 AMPUTAZIONE TARSO - METATARSICA 0 0 46
8001 AGENESIA MASCELLARE SUP. O INF. 0 0 41
8201 ANO ILIACO SN. 0 0 41
8204 MEGACOLON - COLOSTOMIA (III CLASSE) 41 50 0
9302 ANEMIA EMOLITICA AUTOIMMUNE 0 0 41
9303 ARTRITE REUMATOIDE CON CRONICIZZAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI 0 0 50
9308 DIABETE INSIPIDO RENALE 0 0 46
9309 DIABETE MELLITO TIPO 1° O 2° CON COMPLICANZE MICRO-MACROANGIOPATICHE CON MANIFESTAZIONI CLINICHE DI MEDIOGRADO (CLASSE III) 41 50 0
9314 IPERPARATIROIDISMO PRIMARIO 0 0 50
9320 LUPUS ERITEMATOSO SISTEMICO SENZA GRAVE IMPEGNO VISCERALE41500      
9324 SINDROME DI TURNER 0 0 41
9326 SCLERODERMIA CON LIEVE COMPROMISSIONE VISCERALE 41 50 0
9327 POLIARTERITE NODOSA SENZA GRAVE COMPROMISSIONE VISCERALE 41 50 0
9329 SARCOIDOSI IN TRATTAMENTO 0 0 41
9332 IMMUNODEFICIENZA SECONDARIA ASINTOMACA CON LINFOCITI CD + < 500/MMCC 41 50 0
9334 SINDROME DA MALASSORBIMENTO ENTEROGENO CON COMPROMESSO STATO GENERALE 41 50 0

 

cod. FASCIA 31 - 40 min. max. fisso
1208 SINDROME SCHIZOFRENICA CRONICA CON RIDUZIONE DELLA SFERA ISTINTIVO - AFFETTIVA E DIMINUZIONE DELLA ATTIVITÀ PRAGMATICA 31 40 0
2202 DISTURBI CICLOTIMICI CHE CONSENTONO UNA LIMITATA ATTIVITÀ PROFESSIONALE E SOCIALE 0 0 36
2208 SINDROME DEPRESSIVA ENDOREATTIVA GRAVE 31 40 0
3107 EMILARINGECTOMIA 0 0 35
4102 SINDROME VESTIBOLARE DEFICITARIA BILATERALE 31 40 0
4107 VERTIGINI IN GRANDI CRISI PAROSSISTICHE 31 40 0
5002 ANOFTALMO SENZA POSSIBILITÀ DI APPLICARE PROTESI ESTETICA 31 40 0
5019 EMIANOPSIA OMONIMA 0 0 40
5026 RESTRINGIMENTO CONCENTRICO DEL CAMPO VISIVO CON CAMPO RESIDUO FRA 10° E 30° IN ENTRAMBI GLI OCCHI 31 40 0
6004 ASMA INTRINSECO 0 0 35
6207 RITENZIONE URINARIA CRONICA (PLURISETTIMANALE) 0 0 35
6404 BRONCHIECTASIA ACQUISITA 0 0 35
6410 CARDIOPATIA VALVOLARE NON AORTICA CON APPLICAZIONE DI PROTESI 0 0 35
6413 CISTI BRONCOGENE O POLMONARI CONGENITE 31 40 0
6452 LOBECTOMIA EPATICA DESTRA 0 0 35
6453 STENOSI CONGENITA DELLA POLMONARE MODERATA (II CLASSE NYHA) 31 40 0
6482 SINDROME NEFROSICA CON INSUFFICIENZA RENALE LIEVE 31 40 0
6604 SALPINGECTOMIA BILATERALE IN ETÀ FERTILE 0 0 35
7003 SCOLIOSI AD UNA CURVA SUPERIORE A 40° 31 40 0
7006 SCOLIOSI A PIÙ CURVE SUPERIORI A 60° 31 40 0
7010 ANCHILOSI RACHIDE LOMBARE 31 40 0
7105 OBESITÀ - (INDICE DI MASSA CORPOREA COMPRESO TRA 35 E 40) CON COMPLICANZE ARTROSICHE 31 40 0
7201 ANCHILOSI DELLE ARTICOLAZIONI DELLA MANO IN POSIZIONE FAVOREVOLE 0 0 35
7212 ANCHILOSI O RIGIDITÀ DI GOMITO SUPERIORE AL 70% 0 0 35
7217 RIGIDITÀ DI ANCA SUPERIORE AL 50% 0 0 35
7218 RIGIDITÀ O LASSITÀ DI GINOCCHIO SUPERIORE AL 50% 0 0 35
7223 ESITI DI TRATTAMENTO CHIRURGICO CON ENDOPROTESI D'ANCA 31 40 0
7306 EMIPARESI (EMISOMA NON DOMINANTE) 31 40 0
7311 LESIONE DEL N. MEDIANO AL BRACCIO (DOMINANTE) 31 40 0
7317 LESIONE DEL N. RADIALE SOPRA LA BRANCA TRICIPITALE (DOMINANTE) 31 40 0
7331 LESIONE RADICOLARE - TIPO ERB-DUCHENNE (NON DOMINANTE) 31 40 0
7334 PARAPARESI CON DEFICIT DI FORZA LIEVE 31 40 0
7344 PARESI DELL'ARTO SUPERIORE NON DOMINANTE CON DEFICIT DI FORZA MEDIO 31 40 0
7431 PERDITA DI UN PIEDE 0 0 35
8006 MAMMECTOMIA 0 0 34
8011 SCALPO TOTALE 0 0 35
8014 IDROCEFALO DERIVATO 31 40 0
9201 CARDIOPATIE CON APPLICAZIONE DI PACEMAKER A FREQUENZA FISSA 31 40 0
9306 DERMATOMIOSITE O POLIMIOSITE 0 0 35

 

cod. FASCIA 21 - 30 min. max. fisso
1102 ESITI DI SOFFERENZA ORGANICA ACCERTATA STRUMENTALMENTE CHE COMPORTI DISTURBI DI MEMORIA DI MEDIA ENTITÀ 21 30 0
1201 NEVROSI FOBICA OSSESSIVA E/O IPOCONDRIACA DI MEDIA ENTITÀ 21 30 0
2205 SINDROME DEPRESSIVA ENDOREATTIVA MEDIA 0 0 25
2208 SINDROME DEPRESSIVA ENDOGENA LIEVE 0 0 30
2301 ESITI DI SOFFERENZA ORGANICA ACCERTATA STRUMENTALMENTE CHE COMPORTI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO DI MEDIA ENTITÀ 21 30 0
3001 AFASIA LIEVE 21 30 0
3102 CORDECTOMIA MONOLATERALE 0 0 30
3105 DISFONIA CRONICA GRAVE 21 30 0
4002 LESIONE DEI DUE PADIGLIONI AURICOLARI CHE RENDE INAPPLICABILE LA PROTESI ACUSTICA QUANDO NECESSARIA 0 0 21
4012 TIMPANOPATIA CRONICA BILATERALE CHE RENDE INAPPLICABILE LA PROTESI ACUSTICA QUANDO RICHIESTA LA PROTESIZZAZIONE PER VIAAEREA 0 0 30
4104 SINDROME VESTIBOLARE DEFICITARIA UNILATERALE MAL COMPENSATA 21 30 0
5001 ANOFTALMO CON POSSIBILITÀ DI APPLICARE PROTESI ESTETICA 0 0 30
5005 CECITÀ MONOCULARE 0 0 30
5010 DIPLOPIA IN POSIZIONE PRIMARIA 0 0 25
5110 PLEGIA DEI MUSCOLI OCULOMOTORI ESTRINSECI (III N. CRANICO) 21 30 0
6003 ASMA ALLERGICO ESTRINSECO 21 30 0
6201 STENOSI URETRALE (2 DILATAZIONI MENSILI) 0 0 25
6206 RITENZIONE URINARIA CRONICA CON CATETERISMO SALTUARIO 0 0 25
6208 MEGAVESCICA 0 0 30
6401 AGENESIA DI UN RENE NON COMPLICATA 0 0 21
6402 ANOMALIE NON COMPLICATE DELLA PELVI RENALE 0 0 21
6405 BRONCHIECTASIA CONGENITA 21 30 0
6408 CALCOLOSI BILIARE SENZA COMPROMISSIONE DELLO STATO GENERALE 0 0 21
6409 CARDIOPATIA VALVOLARE AORTICA CON APPLICAZIONE DI PROTESI 0 0 25
6420 DIVERTICOLOSI DEL COLON (II CLASSE) 21 30 0
6428 ESITI DI TRATTAMENTO CHIRURGICO PER ATRESIA ESOFAGEA (II CLASSE) 21 30 0
6433 FISTOLA GASTRO-DIGIUNO-COLICA (II CLASSE) 21 30 0
6436 GASTROENTEROSTOMIA - NEOSTOMA FUNZIONANTE (II CLASSE) 21 30 0
6441 MIOCARDIOPATIE O VALVULOPATIE CON INSUFFICIENZA CARDIACA LIEVE (I CLASSE NYHA) 21 30 0
6455 ULCERA GASTRICA O DUODENALE (III CLASSE) 21 30 0
6459 MORBO DI CROHN (II CLASSE) 21 30 0
6462 NEFRECTOMIA CON RENE SUPERSTITE INTEGRO 0 0 25
6463 NEFROLITIASI CON NECESSITÀ DI DIETA RIGIDA E DI ALMENO 2 CONTROLLI E/O TRATTAMENTI ANNUALI 21 30 0
6465 PANCREATITE CRONICA (II CLASSE) 21 30 0
6479 RENE MULTICISTICO UNILATERALE NON COMPLICATO 0 0 21
6483 PIELONEFRITE CRONICA 0 0 30
6603 ISTERECTOMIA TOTALE IN ETÀ FERTILE 0 0 25
6701 ANODONTIA 0 0 25
6703 EDENTULISMO TOTALE NON PROTESIZZABILE 21 30 0
7009 ANCHILOSI RACHIDE DORSALE CON CIFOSI DI GRADO ELEVATO 21 30 0
7205 ANCHILOSI DI GINOCCHIO RETTILINEA 21 30 0
7206 ANCHILOSI DI GOMITO IN POSIZIONE FAVOREVOLE 0 0 30
7207 ANCHILOSI DI POLSO IN FLESSIONE 0 0 30
7208 ANCHILOSI DI SPALLA IN POSIZIONE FAVOREVOLE 0 0 30
7210 ANCHILOSI DI TIBIOTARSICA O SOTTOASTRAGALICA POSIZIONE SFAVOREVOLE 0 0 30
7215 ANCHILOSI O RIGIDITÀ DI SPALLA SUPERIORE AL 70% IN POSIZIONE FAVOREVOLE 0 0 25
7219 ANCHILOSI RADIOCARPICA 0 0 21
7221 ESITI DI TRATTAMENTO CHIRURGICO CON ENDOPROTESI DI GINOCCHIO 0 0 30
7224 ESITI DI TRATTAMENTO CHIRURGICO CON ENDOPROTESI SCAPOLO-OMERALE 0 0 25
7310 LESIONE DEL N. CRURALE 0 0 25
7312 LESIONE DEL N. MEDIANO AL BRACCIO (NON DOMINANTE) 21 30 0
7318 LESIONE DEL N. RADIALE SOPRA LA BRANCA TRICIPITALE (NON DOMINANTE) 21 30 0
7319 LESIONE DEL N. RADIALE SOTTO LA BRANCA TRICIPITALE (DOMINANTE) 21 30 0
7321 LESIONE DEL N. SCIATICO (TRONCO COMUNE) 21 30 0
7322 LESIONE DEL N. SCIATICO - POPLITEO ESTERNO 0 0 25
7324 LESIONE DEL N. ULNARE AL BRACCIO (DOMINANTE) 21 30 0
7339 PARESI DELL'ARTO INFERIORE CON DEFICIT DI FORZA MEDIO 21 30 0
7340 PARESI DELL'ARTO SUPERIORE DOMINANTE CON DEFICIT DI FORZA LIEVE 21 30 0
7343 PARESI DELL'ARTO SUPERIORE NON DOMINANTE CON DEFICIT DI FORZA LIEVE 21 30 0
7401 AMPUTAZIONE 1° DITO MANO 0 0 25
8007 MICROCEFALIA (CON ESCLUSIONE DI DEFICIT DI ALTRE FUNZIONI)0025      
8010 SCALPO SUBTOTALE 0 0 21
8012 PERDITA O GRAVISSIMA DEFORMAZIONE DEI DUE PADIGLIONI AURICOLARI SENZA COMPROMISSIONE UDITIVA 0 0 25
8203 MEGACOLON - COLOSTOMIA (II CLASSE) 21 30 0
9202 CARDIOPATIE CON APPLICAZIONE DI PACE-MAKER A FREQUENZA VARIABILE SECONDO ESIGENZE FISIOLOGICHE 21 30 0
9304 SINDROME DI KLINEFELTER 0 0 25
9312 GAMMAPATIA MONOCLONALE BENIGNA 0 0 25

 

cod. FASCIA 11 - 20 min. max. fisso
1101 ESITI DI SOFFERENZA ORGANICA ACCERTATA STRUMENTALMENTE CHE COMPORTI ISOLATI E LIEVI DISTURBI DELLA MEMORIA 11 20 0
1202 NEVROSI FOBICA OSSESSIVA LIEVE 0 0 15
1205 NEVROSI ISTERICA LIEVE 0 0 15
2001 EPILESSIA GENERALIZZATA CON CRISI ANNUALI IN TRATTAMENTO 0 0 20
2207 NEVROSI ANSIOSA 0 0 15
2303 ESITI DI SOFFERENZA ORGANICA ACCERTATA STRUMENTALMENTE CHE COMPORTI ISOLATI E LIEVI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO 11 20 0
3104 DISFONIA CRONICA MEDIA 11 20 0
4003 LESIONE DI UN PADIGLIONE AURICOLARE CHE RENDE INAPPLICABILE LA PROTESI ACUSTICA QUANDO NECESSARIA 0 0 13
4009 STENOSI SERRATA IRREVERSIBILE BILATERALE DEL CONDOTTO UDITIVO ESTERNO CHE RENDE INAPPLICABILE LA PROTESI ACUSTICA QUANDO RICHIESTA LA PROTESIZZAZIONE PER VIA AEREA 0 0 16
4010 STENOSI SERRATA IRREVERSIBILE MONOLATERALE DEL CONDOTTO UDITIVO ESTERNO CHE RENDE INAPPLICABILE LA PROTESI ACUSTICA QUANDO RICHIESTA LA PROTESIZZAZIONE PER VIA AEREA 0 0 11
4013 TIMPANOPATIA CRONICA MONOLATERALE CHE RENDE INAPPLICABILE LA PROTESI ACUSTICA QUANDO RICHIESTA LA PROTESIZZAZIONE PERVIA AEREA 0 0 15
4101 SINDROME VESTIBOLARE CENTRALE 11 20 0
4106 VERTIGINE DI POSIZIONE E NISTAGMO DI POSIZIONE (VERTIGINE OTOLITICA POSIZIONALE) 11 20 0
4201 OTITE CRONICA BILATERALE A TIMPANO APERTO CON OTORREA PERSISTENTE 0 0 20
4203 STENOSI SERRATA IRREVERSIBILE BILATERALE DEL CONDOTTO UDITIVO ESTERNO 0 0 11
4205 SINUSITE CRONICA CON REFERTO RADIOLOGICO SIGNIFICATIVO0015      
5012 DIPLOPIA NELLO SGUARDO IN BASSO 0 0 20
5015 EMIANOPSIA BINASALE 0 0 20
5021 EMIANOPSIE MONOCULARI - CONSERVAZIONE DEL VISUS CENTRALE 0 0 20
5027 RESTRINGIMENTO CONCENTRICO DEL CAMPO VISIVO CON CAMPO RESIDUO INFERIORE A 10° IN UN SOLO OCCHIO 0 0 15
5030 SINDROME PARIETALE CON EMIANOPSIA A QUADRANTE 0 0 20
5106 GLAUCOMA ACQUISITO 11 20 0
6005 ENFISEMA LOBARE CONGENITO 0 0 11
6010 RINITE CRONICA IPERTROFICA CON STENOSI BILATERALE 11 20 0
6012 SINUSITE CRONICA CON REPERTO RX SIGNIFICATIVAMENTE POSITIVO 11 20 0
6013 TUBERCOLOSI POLMONARE - ESITI FIBROSI PARENCHIMALI O PLEURICI CON INSUFFICIENZA RESPIRATORIA LIEVE 11 20 0
6203 CISTITE CRONICA 11 20 0
6204 PROSTATITE CRONICA O IPERTROFIA PROSTATICA 11 20 0
6423 DUPLICITÀ OD ECTOPIA URETERALE MONOLATERALE 0 0 15
6445 CORONAROPATIA LIEVE (I CLASSE NYHA) 11 20 0
6451 IPOPLASIA SEGMENTARIA RENALE SENZA DISTURBI FUNZIONALI 0 0 15
6458 MORBO DI CROHN (I CLASSE) 0 0 15
6473 PTOSI RENALE BILATERALE NON COMPLICATA 0 0 15
6476 RENE A FERRO DI CAVALLO NON COMPLICATO 11 20 0
6477 RENE ECTOPICO PELVICO 0 0 11
6485 SINDROME POSTPRANDIALE DA GATRECTOMIA (II CLASSE) 11 20 0
6601 ANORCHIDIA 0 0 20
6702 EDENTULISMO PARZIALE LATERO - POSTERIORE BILATERALE NON PROTESIZZABILE 11 20 0
6704 EDENTULISMO TOTALE PROTESIZZABILE 11 20 0
6705 LUSSAZIONE ABITUALE DELLA ARTICOLAZIONE TEMPORO - MANDIBOLARE 11 20 0
6707 MALOCCLUSIONE GLOBALE 11 20 0
6801 ANOSMIA0020      
7008 SPONDILOLISTESI 0 0 15
7102 ACROMEGALIA SENZA RILEVANTI LIMITAZIONI FUNZIONALI 0 0 11
7211 ANCHILOSI METATARSICA 0 0 12
7214 ANCHILOSI O RIGIDITÀ DI PIEDE SUPERIORE AL 70% 0 0 14
7220 ANCHILOSI SOTTOASTRAGALICA ISOLATA 0 0 11
7222 ESITI DI TRATTAMENTO CHIRURGICO CON ENDOPROTESI DI GOMITO 0 0 14
7308 LESIONE DEL N. CIRCONFLESSO (DOMINANTE) 11 20 0
7313 LESIONE DEL N. MEDIANO AL POLSO (DOMINANTE) 11 20 0
7315 LESIONE DEL N. MUSCOLO - CUTANEO (DOMINANTE)11 20 0  
7320 LESIONE DEL N. RADIALE SOTTO LA BRANCA TRICIPITALE (NON DOMINANTE) 11 20 0
7323 LESIONE DEL N. SOTTOSCAPOLARE (DOMINANTE) 11 20 0
7325 LESIONE DEL N. ULNARE AL BRACCIO (NON DOMINANTE) 11 20 0
7326 LESIONE DEL N. ULNARE AL POLSO (DOMINANTE) 11 20 0
7338 PARESI DELL'ARTO INFERIORE CON DEFICIT DI FORZA LIEVE11200      
7402 AMPUTAZIONE 2° DITO MANO 0 0 18
7403 AMPUTAZIONE 3° DITO MANO 0 0 14
7427 PERDITA DEI DUE ALLUCI 0 0 15
8004 CICATRICI DETURPANTI VISO 0 0 11
8008 MUTILAZIONE GRAVE DEL NASO 11 20 0
8013 PERDITA O GRAVISSIMA DEFORMAZIONE DI UN PADIGLIONE AURICOLARE SENZA COMPROMISSIONE UDITIVA 0 0 11
8207 FISTOLA URETRALE 0 0 15
9322 NEOPLASIE A PROGNOSI FAVOREVOLE CON MODESTA COMPROMISSIONE FUNZIONALE 0 0 11
9331 IMMUNODEFICIENZA SECONDARIA ASINTOMATICA CON LINFOCITI CD4+>500/MMCC 0 0 15

 

cod. FASCIA 1 - 10 min. max. fisso
1301 ACALCULIA 0 0 10
2005 EPILESSIA LOCALIZZATA CON CRISI ANNUALI IN TRATTAMENTO 0 0 10
2204 SINDROME DEPRESSIVA ENDOREATTIVA LIEVE 0 0 10
3103 DISFONIA CRONICA LIEVE 1 10 0
4001 ACUFENI PERMANENTI O SUBCONTINUI DI FORTE INTENSITÀ E INSORTI DA PIÙ DI TRE ANNI 0 0 2
4006 RECRUITMENT BILATERALE STRUMENTALMENTE ACCERTATO 0 0 5
4007 SOGLIA UDITIVA A FORTE PENDENZA BILATERALE CON DIFFERENZA DI SOGLIA SUPERIORE A 40 dB FRA DUE FREQUENZE CONTIGUE 0 0 5
4103 SINDROME VESTIBOLARE DEFICITARIA UNILATERALE BEN COMPENSATA 0 0 6
4105 VERTIGINE BEN SISTEMIZZATA11004202 OTITE CRONICA MONOLATERALE A TIMPANO APERTO CON OTORREA PERSISTENTE 1 10 0
4204 STENOSI SERRATA IRREVERSIBILE MONOLATERALE DEL CONDOTTO UDITIVO ESTERNO 0 0 7
5003 CATARATTA (CONGENITA - TRAUMATICA - SENILE) SENZA RIDUZIONE DEL VISUS INTERVENTO CHIRURGICO POSSIBILE 0 0 5
5009 CHERATOCONO - POSSIBILITÀ DI CORREZIONE CON OCCHIALI O LENTI CORNEALI 0 0 5
5011 DIPLOPIA NELLO SGUARDO IN ALTO 0 0 5
5013 DIPLOPIA NELLO SGUARDO LATERALE 0 0 10
5014 DISCROMATOPSIA CONGENITA O ACQUISITA 1 10 0
5018 EMIANOPSIA NASALE 0 0 10
5020 EMIANOPSIA SUPERIORE 0 0 10
5023 MALATTIE DEL VITREO CON VISUS INFERIORE A 5/10 0 0 10
5024 QUADRANTOPSIE - SUPERIORE O INFERIORE 0 0 10
5025 RESTRINGIMENTO CONCENTRICO DEL CAMPO VISIVO CON CAMPO RESIDUO FRA 10° E 30° DAL PUNTO DI FISSAZIONE DI UN SOLO OCCHIO 0 0 10
5101 COLOBOMA 0 0 5
5102 CORIORETINITE - ESITI CICATRIZIALI SENZA RIDUZIONE DEL VISUS O CAMPIMETRICA 0 0 5
5103 DISTACCO DI RETINA - OPERATO CON RECUPERO DELLA FUNZIONE 0 0 5
5104 ECTROPION PALPEBRALE 0 0 8
5105 ENTROPION PALPEBRALE 1 10 0
5107 GLAUCOMA CONGENITO 0 0 10
5108 OCCHIO SECCO 1 10 0
5109 PARALISI DEL M. ORBICOLARE 1 10 0
5111 PLEGIA DEI MUSCOLI OCULOMOTORI ESTRINSECI (IV O VI N. CRANICO) 1 10 0
6009 RINITE CRONICA ATROFICA 1 10 0
6011 RINITE CRONICA VASOMOTORIA O ALLERGICA 1 10 0
6101 EMORROIDI 0 0 10
6417 COLECISTO-DIGIUNOSTOMIA - ESITI 0 0 9
6427 ESITI DI TRATTAMENTO CHIRURGICO PER ERNIA DIAFRAMMATICA CONGENITA 1 10 0
6432 FISTOLA ANO-RETTALE 0 0 10
6454 ULCERA GASTRICA O DUODENALE (II CLASSE) 0 0 10
6464 PANCREATITE CRONICA (I CLASSE) 0 0 10
6471 PROCIDENZA DEL RETTO 0 0 8
6472 PROLASSO DEL RETTO 0 0 5
6484 SINDROME POSTPRANDIALE DA GASTRECTOMIA (I CLASSE)0010      
6602 CRIPTORCHIDIA 0 0 5
6706 MACROGLOSSIA 0 0 10
6802 IPOSMIA A CARATTERE CRONICO 1 10 0
7005 SCHISI VERTEBRALE 0 0 6
7007 SPONDILOLISI 0 0 7
7225 PIEDE PIATTO BILATERALE NON COMPLICATO 0 0 7
7226 PIEDE PIATTO MONOLATERALE NON COMPLICATO 0 0 4
7307 LESIONE DEL NERVO SOTTOSCAPOLARE (NON DOMINANTE) 1 10 0
7309 LESIONE DEL N. CIRCONFLESSO (NON DOMINANTE) 1 10 0
7314 LESIONE DEL N. MEDIANO AL POLSO (NON DOMINANTE) 1 10 0
7316 LESIONE DEL N. MUSCOLO - CUTANEO (NON DOMINANTE) 1 10 0
7327 LESIONE DEL N. ULNARE AL POLSO (NON DOMINANTE) 1 10 0
7404 AMPUTAZIONE 4° DITO MANO 0 0 8
7405 AMPUTAZIONE 5° DITO MANO 0 0 6
8003 CHEILOSCHISI (LABBRO LEPORINO) 0 0 10
8005 EPIFORA 1 10 0


[ II parte ]