Ausili, ortesi e protesi: i fornitori

Ausili, ortesi e protesi: i fornitori

Le norme in materia di fornitura di ausili non potevano non rifarsi alle direttive europee in materia di dispositivi medici recepite anche in Italia dal 1997 (decreto legislativo 46/1997).

Nel Decreto del Ministero della Sanità 27 agosto 1999, n. 332 le regole sono quindi molto cambiate rispetto al Nomenclatore tariffario del 1992 e “l’accreditamento” richiesto per i fornitori e diverso a seconda del tipo di prodotto realizzato o distribuito.

Ausili su misura: alla fornitura sono ammesse solo quelle aziende (fabbricanti o rappresentanti autorizzati) che siano iscritti presso registro presso il Ministero della Sanità; questo registro era previsto dal decreto legislativo 46/1997.

Ausili di serie predisposti: sono ammesse le ditte in regola con la normativa vigente e che dispongano di un tecnico abilitato in grado di garantire il rispetto dei tempi di consegna dei prodotti prescritti e autorizzati;
Per ambedue i tipi di ausili è possibile, in via transitoria, riferirsi ai “vecchi” elenchi regionali dei fornitori previsti dal precedente Nomenclatore tariffario.

Ausili di serie: il prezzo e le condizioni di fornitura sono fissati da procedure pubbliche di acquisto (gare); in questo caso saranno le Regioni a fissare anche i requisiti cui dovranno rispondere i fornitori partecipanti alla gara.


© HandyLex.org – Tutti i diritti riservati – Riproduzione vietata senza preventiva autorizzazione.

Condividi:

Skip to content